Spettacolare demolizione della torre di raffreddamento nucleare della centrale di Yongbyon

Alla presenza di sedici giornalisti ha avuto luogo l’esplosione della torre di raffreddamento nucleare di PYONGYANG, nella Corea del Nord. Il fatto rappresenta una prima testimonianza di intenti per la lotta al terrorismo da parte della Corea che era stata sospettata dagli Stati Uniti di essere un paese “nero”. Alla Cina è stata anche consegnata una relazione conoscitiva sulle attività nucleari del paese. La torre, alta 25 metri, è crollata sotto gli occhi dei giornalisti di Cina, Russia, Giappone, Corea del Sud e Stati Uniti, paesi che da anni trattano con la corea del Nord per la denuclearizzazione. Un atto simbolico, quindi, ma dalla valenza assai forte.
Solo poco tempo fa il regime di Pyongyang aveva rivendicato la libertà di “esercizio dei propri diritti legittimi e indipendenti di Stato sovrano”.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *