Una vita che si consuma nel silenzio quella di Laura Antonelli

lauraantonelliR375

Un mito degli anni 70 e 80, Laura Antonelli, che ha fatto sognare generazioni di giovani per la bellezza e generosità del suo corpo. La ricordiamo in film famosi come “Malizia” e “Peccato veniale”.

Si sarebbe aspettata, forse, miglior fortuna dalla vita le bella attrice, come tante sue colleghe, ma il destino per lei ha segnato un percorso diverso. A settanta anni, infatti, si trova ricoverata presso una struttura dove vive in condizioni di quasi precarietà.

“Ringrazio Lino Banfi e tutti coloro che si stanno preoccupando per me. Mi farebbe piacere vivere in modo più sereno e dignitoso anche se a me la vita terrena non interessa più. Vorrei essere dimenticata”. Con queste parole ha risposto oggi ad una segnalzione dell’attore Lino Banfi, da sempre suo amico, che è andato a trovarla ed è rimasto colpito dallo stile di vita che conduce l’attrice.

“Sono andato a Ladispoli e purtroppo mi sono rattristato molto: ci siamo commossi tutti e due. C’era una donna con lei che va due o tre volte a settimana a farle compagnia. Si sentiva una musichetta dall’altra stanza e io per rompere l’imbarazzo le ho chiesto che cosa era, se guardava la tv. Risposta: “Sono piu’ di vent’anni che non vedo la televisione. Ascolto soltanto Radio Maria”.

Le parole pronunziate sono il segno evidente di una svolta inaspettata.Eppure lei non chiede nulla, solo di poter vivere in modo più dignitoso.Sandro Bondi, Ministro per la Cultura, pare abbia deciso di avviare la procedura per il riconoscimento della legge Bacchelli in suo favore. Otterrà la serenità economica, la donna, che si aggiungerà  a  quella della sua anima che aspira, da tempo, ad altre mete.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *