La norma sul cosiddetto”lodo Berlusconi” sarà cancellata.

stop-loss

Si erano alzate numerose voci di dissenso su una norma che, secondo alcuni esponenti dell’opposizione, Pd e Italia dei Valori in primis, e del centro,  Gianfranco Fini l’ha definita “inopportuna”,  avrebbe “ salvato” il Presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, nella vertenza  Cir- Fininvest. Anche in seno alla  maggioranza, esponenti della Lega non hanno fatto mistero del loro disappunto.

Berlusconi stamani con una nota, che di seguito si legge,  ha chiarito il suo punto di vista assicurando, nel contempo, che la norma sarà cancellata.

“Nell’ambito della cosiddetta manovra è stata approvata una norma per evitare attraverso il rilascio di una fideiussione bancaria il pagamento di enormi somme a seguito di sentenze non ancora definitive, senza alcuna garanzia sulla restituzione in caso di modifica della sentenza nel grado successivo.

Si tratta di una norma non solo giusta ma doverosa specie in un momento di crisi dove una sentenza sbagliata può creare gravissimi problemi alle imprese e ai cittadini. Le opposizioni  hanno promosso una nuova crociata contro questa norma pensando che, tra migliaia di potenziali destinatari, si potrebbe applicare anche a una società del mio gruppo.

Si è prospettato infatti che tale norma avrebbe trovato applicazione nella vertenza Cir-Fininvest dando così per scontato che la Corte di Appello di Milano effettivamente condannerà la Fininvest al pagamento di una somma addirittura superiore al valore di borsa delle quote di Mondadori possedute dalla Fininvest. Conoscendo la vicenda ritengo di poter escludere che ciò possa accadere e anzi sono certo che la Corte d’Appello di Milano non potrà che annullare una sentenza di primo grado assolutamente infondata e profondamente ingiusta.

Il contrario costituirebbe un’assurda e incredibile negazione di principi giuridici fondamentali. Per sgombrare il campo da ogni polemica ho dato disposizione che questa norma giusta e doverosa sia ritirata. Spero non accada che i lavoratori di qualche impresa, in crisi perché colpita da una sentenza provvisoria esecutiva, si debbano ricordare di questa vergognosa montatura”.

immagine da: ilgiornale.it

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *