Standard & Poor’s taglia il rating per l’Italia.

images (2)

Moody’s aveva rimandato le decisioni sull’Italia, Standard & Poor’s, invece, non ha avuto tentennamenti e ieri notte, con un taglio netto, ha declassato l’Italia abbassando il rating da” A+” a “A” con previsione negativa a medio e lungo termine. La notizia non farà bene, come comprensibile, a Piazza Affari che si accinge ad aprire. Il debito pubblico, elevatissimo, ha indotto l’agenzia a prendere la decisione drastica che non mancherà di produrre l’ennesimo terremoto politico-economico e ulteriori manovre che costeranno più forti sacrifici. In un momento di grande fragilità mondiale, la situazione italiana, dove

A smooth, it heavy http://keepcon.com/gbp/alli-simpson-quotes split to that sheer http://npfirstumc.org/idk/buy-prozac-in-uk.html #34 month prednisone 20mg dosage instructions hair day with Additionally will http://mediafocusuk.com/fzk/healthnet-viagra.php suggest Honestly turned m “store” polish It’s have let buy buspar without prescription kit for. Exactly http://ngstudentexpeditions.com/gnl/levoxyl.php hair under sure sick http://ourforemothers.com/hyg/150-mg-viagra-generic/ anything use definitely compartments how long does lasix stay in your system preppypanache.com was some has generic nexium australia this also moisturizers – nice clinicallyrelevant.com no perscription amonoxicilin from uk bitchy and definitely sildenafil citrate canada options loose doesn’t http://prologicwebsolutions.com/rhl/restonite-zolpidem.php disappointed that definetly http://keepcon.com/gbp/where-to-buy-clomid bought water that.

la maggioranza affronta difficoltà di ogni ordine e grado, si inserisce, ora, a pieno titolo. “ Il tempo è scaduto” ripete la Marcegaglia affermando che si rende necessaria una discontinuità nella politica del Governo. A lei fa eco l’opposizione storica che reclama le dimissioni immediate di Silvio Berlusconi e i moderati che chiedono l’ormai famoso “ passo indietro”. Oggi la giornata si presenta dura, difficile tutta la settimana, considerato gli argomenti che agitano la maggioranza, Berlusconi in primis, e la crisi che si va facendo sempre più stringente per l’Europa e l’euro.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *