“L’Energia è dentro di Noi. La nutrigenomica e l’epigenetica. La prevenzione del futuro” di Maurizio Insana

Il compito che si è assunto Maurizio Insana scrivendo quello che lui definisce “un manuale” non è dei più semplici, perché semplici non sono le domande che si è posto e a cui vuole dare risposte.

“Chi siamo? Da dove veniamo? Come ci siamo evoluti? Siamo creazione o evoluzione? Esiste la particella di Dio e cos’è Dio? La malattia cosa rappresenta e perché il corpo si ammala? Esiste una vita diversa dalla nostra e se sì perché si muore e cosa c’è dopo la morte? Ci trasformiamo ci reincarniamo, risorgeremo, esiste il Paradiso?”

Chi di noi non si è mai interrogato su ciò che rappresenta un dramma esistenziale, un nodo difficile da sciogliere?

Con molta bravura, che si coniuga con la chiarezza espositiva e la serietà degli studi, Insana esprime il suo pensiero sui temi evidenziati trascinandoci in una lettura molto coinvolgente.

Preliminarmente, al centro di ogni cosa nel mondo, egli pone l’amore “la forza che tiene unito il tutto in uno”, elemento essenziale per raggiungere la conoscenza di sè e degli altri, il “big bang che precede il concepimento” che consente di dare origine a una nuova vita.

Poi, procede, con dovizia di particolari, nella spiegazione della nascita della terra e ci conduce lungo un percorso dove parole come creazionismo, biomagnetismo, magnetosfera affascinano e invitano alla lettura che si dipana e si allarga in altri settori che suscitano l’interesse di quanti tengono alla cura della propria persona, sia dal punto di vista spirituale che fisico.

Procedendo da un Dio generatore del Big Bang “dove tutta l’energia visibile ed invisibile si trovava in un unico punto”, attraverso una disamina sulla natura dell’atomo, sulle sostanze aggreganti necessarie a tenerlo coeso, sul sistema solare, sulla luce che dal sole arriva fino a noi per alimentare la vita, l’autore si domanda in quale tempo si sono determinate le condizioni per generare la vita e dà una spiegazione del come e quando ciò è accaduto.

Ma non si ferma a questo perché il suo fine ultimo non è solo quello di studiare il sistema complesso delle cellule che attraverso l’embriogenesi hanno dato vita agli esseri viventi sulla terra, ma rivelare i meccanismi che possono permettere agli uomini, in particolare, di vivere in armonia con sè stessi e con chi li circonda e, attraverso un monitoraggio continuo del proprio corpo, migliorare la qualità della vita.

Le sorprese che la lettura del libro riserva sono tante ma non si vuole privare il lettore di coglierle anticipandone i contenuti.

Si riporta solo, ad esempio, che nel “manuale” si riscontrano metodi e tecniche, utili per raggiungere “la consapevolezza del proprio corpo“, che si associano a molti consigli pratici per una corretta alimentazione finalizzata a migliorare la qualità della vita e a scongiurare alcune patologie.

Un itinerario interessante,dunque, ricco di spunti di riflessione, che non può lasciare indifferente chi volesse rendersi partecipe di un viaggio alla ricerca di un “Universo Migliore

di S.L.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *