Comunicato stampa

     Riceviamo da Alessandro Cesare  e pubblichiamo:

 

                      Notizie per la stampa   –   13 novembre 2012

Rivignano e Teor si fondono per tagliare i costi della politica

Il 2 dicembre la popolazione dei due comuni friulani si esprimerà con un referendum

RIVIGNANO-TEOR

Ridurre i costi della politica, migliorare la qualità dei servizi offerti ai cittadini, aumentare il potere contrattuale del territorio nei confronti degli enti sovra-comunali. Sono soltanto tre dei vantaggi che si porta dietro la fusione tra i comuni di RIVIGNANO e TEOR, in provincia di Udine. Il primo caso di unificazione di due municipalità in Friuli Venezia Giulia, e tra i pochi esempi in tutto il Nord Italia.

In un periodo particolarmente difficile, i sindaci dei due comuni hanno deciso di ridurre i costi della macchina amministrativa in maniera consistente. Con questa scelta infatti, che darà vita al comune di RIVIGNANO TEOR, il numero di amministratori passerà dagli attuali 30 a 17, con un assessore in meno e soprattutto con un solo sindaco. In questo caso quindi, il mantenimento della poltrona non è di certo una priorità per gli amministratori dei due comuni friulani.

Un modo diverso per affrontare la crisi economica, che sta comportando una riduzione sempre più drastica dei trasferimenti

is soft tabs'>cialis soft tabsdi risorse dallo Stato ai comuni. Unendosi infatti, le due municipalità sono certe di poter acquisire un maggiore peso nei rapporti con le istituzioni sovra-comunali per riuscire a mantenere i servizi alla cittadinanza.

In questo percorso virtuoso (denominato Uniti nel cuore. Insieme si cresce) i veri protagonisti saranno i cittadini, chiamati a esprimere la decisione finale sulla fusione attraverso un referendum consultivo. Il voto è previsto il prossimo 2 dicembre.

Se in ciascuno dei due comuni sarà raggiunta la maggioranza dei voti a favore della fusione, la Regione Fvg adotterà una legge di istituzione del nuovo Comune di RIVIGNANO TEOR, che entrerà in funzione dal primo gennaio 2014.

«Il nuovo comune di Rivignano Teor – afferma il sindaco di Rivignano, Mario Anzil – rappresenta una sfida che ha l’obiettivo non solo di risparmiare soldi pubblici e di fornire migliori servizi ai cittadini, ma soprattutto di creare nuove opportunità di crescita e sviluppo offerte da un territorio più ampio. Toccherà ai nuovi amministratori infatti – aggiunge – impostare il benessere e lo sviluppo dei prossimi decenni, riorganizzando un territorio che, unito, potrà trovare ulteriori punti di forza».

Sulla stessa lunghezza d’onda anche il sindaco di Teor, Fabrizio Mattiussi:  «Si tratta di far nascere un nuovo soggetto, non solo per ottimizzare la gestione dei servizi e attrarre contributi, ma soprattutto per cogliere intelligentemente le opportunità che la fusione porta in sé».

zp8497586rq
zp8497586rq